Archivi tag: fiocchi di avena

Barrette con fiocchi di avena, noci, mandorle, prugne e mirtilli

Avete mai provato a fare le barrette di frutta secca? Facilissime, velocissime, gustosissime per colazioni, spuntini o quando avete bisogno di una carica di energia.

6-Barrette 4Questa mattina mi sono alzata presto, ho aperto la credenza e chiamato a raccolta la frutta secca a disposizione : noci, mandorle, prugne e mirtilli secchi. Come collante un paio di cucchiai di malto di riso (non avevo il malto di orzo che avrei preferito).

6-BarretteUna decina di minuti per preparare e frullare tutti gli ingredienti, qualche minuto per spianare l’impasto su una teglia e via a 20 minuti di cottura a 150 gradi … tutto qui!

6-Barrette 3

In fondo trovate la sezione “Altre idee sul Web” con altri link a ricette e argomenti simili. Continua a leggere

Torta snack con mandorle, uvetta, albicocche secche e bacche goji

Ecco un’altra idea per la colazione o uno snack al lavoro. Fiocchi di avena, un po’ di farina, una mela e frutta secca a volontà.

Non ho aggiunto nessun dolcificante, ma se per voi è poco dolce, aggiungete qualche cucchiaio di malto.

0-torta-snack_new

 

In fondo trovate la sezione “Altre idee sul Web” con altri link a ricette e argomenti simili. Continua a leggere

Sformato dolce di fiocchi di avena con mele

La ricetta di oggi è stata presa da un bellissimo libro, “Prevenire i tumori mangiando con gusto” di Villarini e Allegro.

Con i fiocchi di avena potrete fare tanti altri dolci, come ad esempio le barrette (per la ricetta curiosate QUI).
Sformato di fiocchi di avena

Si tratta di dolci senza quegli ingredienti che normalmente vengono utilizzati: zucchero e farina raffinata … Essendo ricette vegane non troviamo neanche uova nè latte. Ma allora? come lo facciamo il dolce?
Prima di passare alla ricetta vorrei parlare di ciò che in questa ricetta non c’è e che, se ci fosse, potrebbe potenzialmente fare male …

In realtà, capire oggi giorno cosa fa bene e cosa fa male è un’impresa difficile quasi impossibile! Si dice tutto e il contrario di tutto. Cosa fare per riuscire a non commettere errori di cui un giorno pentirci amaramente?
Io ho deciso di seguire le indicazioni del Dottor Berrino che dopo una lunghissima carriera dedicata alla ricerca e alla cura dei tumori ha davvero molto da raccontare.
Questo simpatico e distinto Dottore, a differenza delle apparenze, non è clemente nei confronti nè dell’industria alimentare nè tantomeno delle case farmaceutiche, per non parlare dell’opinione apertamente espressa nei confronti della classe dei medici.

Indicazioni a parte, ciò che ha davvero dato una svolta alla mia vita alimentare è stata la bellissima frase che ripete quasi sempre nelle sue conferenze, presa in prestito da Micheal Pollan, giornalista e saggista statunitense: “Quando andate al supermercato andateci sempre accompagnati dalla vostra bisnonna (se non l’avete più immaginatela) e tutto quello che la vostra bisnonna non riconosce come cibo… non compratelo”.

Ciò vuol dire eliminare tutti i cibi lavorati industrialmente che, attraverso processi più o meno discutibili, partono dagli alimenti naturali, per togliere qualcosa e aggiungere qualcos’altro, al fine di chiarificare, conservare, arricchire … il tutto per creare prodotti che potranno rimanere sugli scaffali per anni con coloratissime etichette che ripetono in continuazione che ci fanno così tanto bene alla salute.
Ma ne siamo cosi sicuri?

Il Dottor Berrino qualche dubbio ce l’ha e propone un consiglio semplicissimo: mangiate come mangiavano i vostri bisnonni!

Ma perché non ci siamo arrivati da soli? Perché mangiamo cibo spazzatura per poi ricorrere ai ripari ingerendo integratori di vitamine e sali minerali? Non è meglio mangiare una bella mela e delle verdure fresche?

Nel mio piccolo ho cominciato ad applicare quel consiglio: ho eliminato tutto ciò che è raffinato a cominciare dallo zucchero, poi ho eliminato le farine raffinate ed ancora il riso brillato.

Mi sono però chiesta perché tutto questo cibo raffinato facesse cosi tanto male. E cosi mi sono documentata cominciando dai carboidrati, di cui ora vi parlerò.

Non si può trattare di carboidrati senza parlare di cereali. Non che siano gli unici a contenerli, ma in essi la percentuale è sicuramente predominante rispetto a quella presente in ortaggi e legumi.

Non tutti i cereali sono però uguali, soprattuttonon lo sono quelli raffinati e quelli integrali.
Oltre a sali minerali e vitamine, i cereali integrali contengono carboidrati complessi, al contrario dei cereali raffinati che per lo più sono composti da zuccheri semplici e quasi privi di sali minerali e vitamine.

E questo costituisce un problema? Di fatto sì, vediamo perché.
I carboidrati complessi sono lunghe catene composte da zuccheri semplici, come glucosio e fruttosio. Il nostro organismo non riesce ad assimilare i carboidrati complessi se non sotto forma di zuccheri semplici. Per cui, dalla masticazione, parte un lungo processo di digestione che serve per scomporre i carboidrati complessi in forma semplice. Questi zuccheri semplici riescono ad attraversare le pareti intestinali e raggiungere, tramite il flusso sanguigno, i vari organi a cui forniscono energia. Dato che questo processo è lungo e richiede tempo, gli zuccheri semplici vengono rilasciati piano piano nel sangue senza causare innalzamenti repentini del livello di zuccheri.

Cosa succede invece quando ingeriamo un prodotto raffinato? Siccome i carboidrati risultano già in forma semplice, la digestione ha poco da fare e gli zuccheri vengono rilasciati in quantità elevata nel sangue in pochissimo tempo. A questo punto il livello di zuccheri nel sangue si alza.

Se fossimo poi pronti per una corsa o per un duro lavoro nei campi, consumeremmo tutti gli zuccheri ingeriti, ma ahimè la maggior parte di noi dopo un pasto si siede davanti ad una scrivania o su un divano durante il fine settimana. Che se ne fa il nostro corpo di tutti gli zuccheri ingeriti? Parte un meraviglioso meccanismo che da sempre ha funzionato per immagazzinare l’energia per i tempi di carestia che non fa altro che trasformare gli zuccheri in grassi …

Questo processo di immagazzinamento abbassa il livello degli zuccheri nel sangue e noi, dopo un momento di carica iniziale, ci sentiamo stanchi e appesantiti dal famoso abbiocco pomeridiano.

A tutto ciò si aggiunge il fatto che livelli alti di zuccheri nel sangue sono davvero dannosi alla salute.

Ma eliminato zucchero e farina raffinata, come lo facciamo questo dolce?
Ed ecco che ci viene incontro Giovanni Allegro con questa semplicissima ricetta, ottima per colazioni e spuntini!

torta_fiocchi_avena_mele_new

Continua a leggere

Dolce al cucchiaio di fiocchi di avena, nocciole e mele

E’ un po’ che volevo pubblicare questa semplicissima ricetta: un pasticcio di fiocchi di cereali con nocciole e mele (di solito ci metto anche un po’ di cannella).

Fatelo la sera così la mattina vi trovate una ricca e buona colazione che vi darà la giusta carica per la giornata. Se invece soffrite di carenza da snack pomeridiano, ecco una soluzione naturale: mettetene qualche cucchiaio in un vasetto da portare sul lavoro e mangiatelo con un cucchiaino al momento opportuno!

dolce-al-cucchiaio-di-fiocchi-di-avena-nocciole-e-mele_new Continua a leggere

Colazione con porridge di fiocchi di avena, crema di nocciole e pere

E’ arrivato il momento delle colazioni! Un problema che affigge il popolo dei vegani o di coloro che soffrono di intolleranze. Per tutti voi ecco un porridge molto nutriente e .. per me .. davvero gustoso! Fiocchi di avena, che fanno benissimo al nostro cervello, un po’ di frutta e una crema di nocciole!

2_porridge_new

 

Continua a leggere